Da Adelaide a Darwin

12 giorni / 11 notti

Da Adelaide a Darwin in auto: l’ Explorers way

da € 1254

CREA IL TUO VIAGGIO TROVA AGENZIA
https://www.goaustralia.it?p=32064
per informazioni: Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - [email protected]

Da Adelaide a Darwin in auto OVVERO TUTTA la Explorers Way.

Quel lungo nastro stretto di strada asfaltata che collega Adelaide a Darwin. Due mondi all’opposto che si incontrano nel Grande Centro Rosso Australiano.

Ma che cosa è l’ Explorers Way. Il suo nome ufficiale come dire statale e Stuart Highway:
E’ il lungo e stretto nastro di strada asfaltata che vi racconterà la storia dei pionieri e vi mostrerà una moltitudine di panorami diversi.
E’ sicuramente uno dei più entusiasmanti viaggi in auto del mondo da sud a nord o v.v attraverso l’immenso continente australiano. I paesaggi e i climi mediterranei del sud vi porteranno alle vaste piane desertiche del centro per arrivare infine all’Australia tropicale (Top End) di Darwin e dintorni.

La strada tutta asfaltata percorre vaste regioni desertiche a volte ricoperte di sale, che furono, la prima vera barriera per pionieri ed esploratori dell’ 800. Infatti durante l’inverno possono venire inondate da alluvioni mentre, durante l’estate, si trasformano in deserti torridi. Per la popolazione aborigena, che la da migliaia di anni, questa terra è invece sinonimo di sopravvivenza, portandoli ad essere oggi la cultura vivente più antica del pianeta.

Questo itinerario percorre tutta la Explorers Way ovvero i 3000 e rotti km che separano Oceano pacifico da Oceano Indiano o meglio ancora dal mare di Arafura.

Il nostro itinerario non prevede l’uso di un fuoristrada ma, ad esempio, si potrebbe sostituire l’ auto con un camper oppure, usare un fuoristrada per seguire un itinerario sulle famose piste dell’ Outback.

Da Adelaide a Darwin in auto vi farà incontrare i mille volti di questa isola continente.

Da panorami che si perdono all’ orizzonte alle foreste subtropicali del Top End ai rossi deserti del Red Centre alle verdi vallate vinicole del South Australia.
Conosceremo luoghi eccentrici come Coober Pedy ovvero la città underground degli Opali. Qui il mondo sotterraneo dei minatori e delle loro abitazioni si unisce ad una superficie a volte dai tratti lunari: non per niente una delle zone si chiama Moon Plan.
Qui scopriremo i luoghi ed i resti delle macchine fantastiche usate per il film Mad Max.
Eppure due giorni prima ci trovavano a viaggiare nelle verdi vallate della zona vinicola della Clare Valley!
Inoltrandoci e superando il confine invisibile tra South Australia e Northern territori pernotteremo alla Kulghera Road House il primo e l’ultimo Pub del Northern Territory.

Ancora un passo e siamo ad Uluru (Ayers Rock) una delle famose icone dell’ Australia che non ha bisogno di presentazioni.
Ancora una lunga cavalcata attraverso i territory ove venne girato il film Australia per giungere alla prima vera oasi di verde: Katherine Gorge con le sue famose gole navigabili.

Ma la nostra avventura termina in un vero e proprio Jurassik Park e altra icona dell’ Australia: il Parco Nazionale di Kakadu.

Qui potremo ammirare le pitture rupestri aborigene risalenti ad oltre 40.000 anni or sono ed ammirare la flora e la fauna locali.
Se nei chilometri precedenti abbiamo incontrato canguri, wallabies, emu e lucertole dalla lingua blu è ora il momento di ammirare saltwater crocodiles, goanna, aquile di mare, uccelli jabiru ed altre coloratissime specie.

Lungo il nostro percorso avremo la possibilità di incontrare e conoscere la cultura aborigena ed apprezzarne le diversità da nord a sud o V.V; incontreremo di sicuro i solitari uomini del bush, i conduttori dei roadtrain e si perche no anche nuovi compagni di viaggio e di avventura.
Questa è: l’Explorers Way: Da Adelaide a Darwin in auto.
12 giorni di viaggio e magari si desidera il mare? Darwin è il punto perfetto da qui potrete raggiungere sia l’oceano indiano con Broome che l’ oceano pacifico con Darwin. A voi la scelta Queensland o Western Australia?

1° giorno

Adelaide/Port Augusta

Chilometri indicativi: 320
Tipo di strada: Asfaltata
Ritiro della vettura presso il deposito del noleggiatore.
Oggi si parte alla volta di Port Augusta visitando dapprima la Clare Valley deliziosa zona di produzione vinicola e quindi proseguine inerpicandoci sulle boscose colline che ci portano a Christal Brook e da qui una panoramica discesa verso il profondo golfo di Spencer e finalmente a Port Augusta. da qui iniziamo la nostra avventura sulla Explorer's Way percorrendola sino ad Alice Springs; circa la metà del suo percorso.

Clare Valley Il South Australia è noto per i suoi ottimi cibi ed i suoi rinomati vini. Tra le zone vinicole principali di questo stato vi è la Clare Valley, che si estende da Auburn a sud fino a Jamestown a nord. Questa valle è poco conosciuta ma ricca di buoni spunti per un viaggio nella vera Australia. La Clare Valley è un luogo in cui “vino e cibo” sono sinonimi di “gente”. È una regione dai caldi sapori rustici, dove si producono una serie di vini di fama internazionale. Qui potrete ammirare mastri viticoltori all'opera in cantine fondate 150 anni fa e partecipare a festival nelle vigne. Vi sono circa 40 cantine di degustazione e numerose offrono deliziosi pasti. Il Riesling Trail, che prende nome proprio dalla più famosa varietà di vino prodotta nella zona, si estende tra le cittadine di Auburn e Clare. La vecchia linea ferroviaria è un ottimo modo di visitare la Clare Valley e collega molte delle eleganti aziende vinicole e cittadine della regione. Questo itinerario, lungo 27 chilometri, può essere percorso a piedi o in bicicletta ed è adatto a persone di tutte le età e livelli di esperienza. Si possono noleggiare biciclette in loco. Immergetevi nella storia unica della più antica cantina e vigna della Clare Valley, la Sevenhill Cellars, edificata originariamente per la produzione di vino sacramentale a uso religioso. Potrete passeggiare liberamente tra le cantine di un tempo, visitare la chiesa di St Aloysius e l'affascinante cripta del complesso di Sevenhill maggiori informazioni in inglese. Per conoscere davvero l'azienda vitivinicola, partecipate a un tour approfondito con Padre John May. Paradiso degli artisti, la Clare Valley offre poi agli appassionati di arte e cultura artisti di talento e gallerie dal fascino unico. Non mancate di visitare la Medika Gallery e lo studio adiacente, dove dipinge Ian Roberts, artista specializzato nella riproduzione di flora e fauna selvatica. Ian dipinge uccelli e piante australiane e sarà lieto di fornirvi una cartina con le indicazioni per giungere al suo arboreto, che conta 8.000 piante. Rilassatevi ed esplorate in tutta calma le gallerie pubbliche e private, gli antiquariati e le botteghe di artigianato locali. Infine, l’Heartland Heritage Trail, un itinerario in auto sui generis, che ripercorre le tracce di un sentiero battuto in passato da cacciatori aborigeni, carri trainati da buoi, diligenze, mandriani e locomotive a vapore. Questo circuito rurale di grande bellezza lungo 300 km, serpeggia tra incantevoli campagne, con soste in sette località storiche, che in passato rappresentarono la linfa vitale del South Australia

2° giorno

Port Augusta/Coober Pedy

Chilometri indicativi: 320
Tipo di strada: Asfaltata
Oggi è la classica lunga guidata ma godetevi il panorama e non dimenticate di sostare nelle diverse roadhouse tra le quali Pimba e Glendambo.
Il premio ambito non tarderà ad arrivare: Coober Pedy vi aspetta con tutte le sue stravaganti ed affascinanti meraviglie.

Explorers Way 3016 Km da Adelaide a Darwin E' il lungo e stretto nastro di strada asfaltata che vi racconterà la storia dei pionieri e vi mostrerà una moltitudine di panorami diversi.
E’ sicuramente uno dei più entusiasmanti viaggi in auto del mondo da sud a nord o v.v. attraverso l’immenso continente australiano
I paesaggi e i climi mediterranei del sud vi porteranno alle vaste piane desertiche del centro per arrivare infine all’Australia tropicale (Top End) di Darwin e dintorni.
La strada tutta asfaltata percorre vaste regioni desertiche a volte ricoperte di sale, che furono, , la prima vera barriera per pionieri ed esploratori dell’ 800. Infatti durante l’inverno possono venire inondate da alluvioni mentre, durante l’estate, si trasformano in deserti torridi. Per la popolazione aborigena, che la da migliaia di anni, questa terra è invece sinonimo di sopravvivenza, portandoli ad essere oggi la cultura vivente più antica del pianeta.

3° giorno

Coober Pedy

Giornata di meritata sosta con tanto da esplorare: dalla cittadina sotterranea famosa a livello mondiale alle miniere di opali ai paesaggi maestosi e spettacolari dei Breakways del Moonplan o del Painted Desert. Vi sono anche interessanti escursioni

Coober Pedy Coober Pedy è famosa per essere la città sotterranea, la patria dell’estrazione dell’opale. Qui tutto è spettacolare ma anche bislacco, per chi non sa guardare tutto può sembrare desolato e perdersi nei negozietti (pochi) da turisti. Invece ho ricordi splendidi delle mie passeggiate all’alba quando il sole radente incendia di colori il panorama brullo, fatelo anche voi e non ve ne pentirete. Di sicuro visitate la chiesa underground e le varie zone e ristoranti che, come era d’uso degli abitanti prima che arrivassero la corrente elettrica e l’aria condizionata, costruivano le loro case sottoterra. D’estate in questa area si raggiungono i 50 gradi; In superficie scoprirete le macchine assurde inventate per scavare gli opali e quelle fantastiche utilizzate per girare film come Mad Max III con Mel Gibson. Vi sono piccole statue di bronzo che arridono ironicamente agli uomini che hanno popolato questo deserto impossibile. Fuori da Coober Pedy e molto vicino vi sono i Breakways ed il Moon Plan, un deserto giallo, rosso e bianco acceso da vedere assolutamente, sembra di essere su Marte. Sempre qui vicino passa la Rabbit Proof Fence, la famosa rete più lunga del pianeta. Una visita carina ed utile? "The Underground Bookshop", con una serie innumerevole di "mudmaps" dell’area circostante. Queste mappe sono disegnate a mano da Peter Caust, il proprietario del negozio, ed indicano perfettamente i percorsi da seguire per esplorare i dintorni di Coober Pedy e l’ Outback del Central Australia. Acquistate subito le sue Mudmaps per l’itinerario dei prossimi giorni e come ricordo.

4° giorno

Coober Pedy/Kulgera Road House

Chilometri indicativi: 420
Tipo di strada: Asfaltata
Lasciamo la città degli Opali per raggiungere una meta tattica la Road House di Kulgera poco oltre la metà del percorso che ci separa da Ayers Rock.
Oggi superiamo il confine tra South Australia e Northern Territory e dormiremo nelle semplici camere di questa Roadhouse famosa per avere il più grande caminetto dell' Australia. La sera cenate al pub con una buona birra ed assaporando la tipica atmosfera di questo punto di sosta quasi obbligato per i famosi Roadtrain ed il pittoresco mondo dei loro solitari conducenti.

Tra Coober Pedy ed Ayers Rock Effettuate soste nelle tipiche roadhouse e godetevi l’ambiente rilassato dei viaggiatori della Stuart Highway. Soste consigliate a Marla, Kulgera (ove probabilmente hanno il più grande camino dell’ Outback), Mount Ebenezer e Curtin Springs.
Le roadhouse sono posizionate in punti strategici in modo da riuscire a fare sempre rifornimento di carburante quando necessario.

5° giorno

Kulgera Road House/Ayers Rock

Chilometri indicativi: 320
Tipo di strada: Asfaltata
Oggi capirete l'importanza strategica di una sosta a Kulgera.
Infatti con una partenza mattutina dopo una bella colazione e sosta alle roadhouse di Curtin Springs arriverete nella mattinata ad Uluru.
Quindi tutta la giornata potrà essere dedicata già ad esplorare la zona.
Se volete un consiglio dedicatevi ad una rilassata sessione di un'ora di dot-painting aborigeno alla Maruku Arts e nel pomeriggio raggiungete la base del monolito per effettuarne la bella passeggiata alla base e quindi assistere all' immancabile famoso tramonto.
A seguire volendo andiamo a visitare il Field Of Light con il suo spettacolare campo di luci.

Maruku art Il nostro nome, Maruku, significa letteralmente "appartenenza al nero". Questo perché Maruku è di proprietà e gestito da Anangu (gli aborigeni dei deserti occidentali e centrali dell'Australia). Per oltre 30 anni Maruku ha operato come una società di arte e artigianato senza scopo di lucro.
Il nostro logo è il design "tali". "Tali" significa dune di sabbia. Vedrai che questo modello che descrive il paese è significativo nell'arte e nelle sculture in legno dei nostri artisti. Il deserto, questo paese di dune di sabbia è ciò che chiamano casa.
Circa 900 artisti Anangu compongono il collettivo che è Maruku. Il nostro scopo è mantenere la cultura forte e viva, per le future generazioni di artisti e rendere la cultura accessibile in modo autentico a coloro che cercano una comprensione più approfondita. Forniamo anche un'importante forma di reddito agli artisti che vivono in comunità remote nelle terre di Anangu realizzando una forma concreta di turismo Ecosostenibile.

Ayers Rock Ayers Rock è il simbolo dell’Australia per antonomasia. Questo misterioso monolito di sabbia, situato a 500 Km a sud-ovest di Alice Springs, è alto 350 m e largo 7.5 Km. Non è una roccia è un conglomerato di sassolini che erano il fondale di un lago esistente circa 600 milioni di anni fa. Per gli aborigeni, la Roccia è il “Luogo Sacro dei Sogni”, e tutt’intorno si trovano pitture rupestri. La sua spiritualità o sacralità è dovuta a molti argomenti diversi che vanno da luogo iniziatico a fonte di acqua nel deserto alle famose sfumature di colore che lo contraddistinguono soprattutto al tramonto. Per gli Anangu (i tradizionali custodi di Uluru) il vero significato risiede nei racconti dei tempi della “creazione”: gli esseri ancestrali che crearono il mondo e lo popolarono “cantandolo”, hanno lasciato i segni del loro passaggio sulle rocce di Uluru trasformandolo in un vero e proprio libro o serie di racconti in cui ogni anfratto, colore della roccia, striatura e quanto altro ci riporta a storie epiche di serpenti buoni e cattivi, di ragazzi intrepidi e naturalmente degli spiriti creatori.
A poca distanza dal monolito, ai confini del Parco di Uluru si trovano anche i Monti Olgas, una serie di 36 magnifiche "cupole" naturali, che sono considerati il risultato di secoli di erosioni eoliche e pluviali. Il loro nome aborigeno Kata Tjuta significa il Luogo delle Molte Teste. La teoria ci dice che probabilmente un tempo gli Olgas fossero un unico enorme monolito - più vasto dell’Ayers Rock - trasformato e suddiviso poi in molte montagne tondeggianti proprio a seguito di fenomeni naturali. Da non perdere una passeggiata nelle “Gole del Vento” ma, anche la passeggiata iniziale non è male specie se fatta al sorgere del sole.
Il parco nazionale di Uluru Katatjuta è facilmente raggiungibile in quanto le strade sono asfaltate. Quindi non si necessita di fuoristrada e numerosi sono i tour in partenza sia dal complesso alberghiero di Voyages Ayers Rck resort che, dal Cultural Centre nelle vicinanze del Monolito.
Per chi usa la vettura ad esempio sarà possibile noleggiare una bicicletta per esplorare la base del monolito con questo mezzo oppure perché no? Partecipare ad un tour in Seagway (commento in italiano disponibile con iPod). Un altro modo per godere appieno del fascino di Uluru è di assistere al tramonto superando le dune a dorso di cammello.
Da segnalare infine le diverse “cene nel deserto” con immancabile tramonto, sorvoli in elicottero e la spettacolare l’installazione artistica “Field of Light” (Campo di Luce) di Bruce Munro. E’ la più grande installazione di luci che funziona a energia solare: più di 50.000 steli incoronati da sfere di vetro satinato sbocciano quando la notte cala sul cuore spirituale dell’Australia. Quest’installazione, , sorge in vista di Uluru e vi permetterà di ammirare uno spettacolo unico al mondo dai colori del tramonto sul monolito allo spettacolo congiunto delle 50.000 luci soffuse e colorate.

6° giorno

Ayers Rock /Alice Springs

Chilometri indicativi: 325
Tipo di strada: Asfaltata
Mattinata dedicata alla visita alle Olgas (Katatjuta) con le bellissime gole del vento e le rocce tondeggianti.
Si prosegue quindi alla volta di Alice Springs per l' ultimo pernottamento.

Variazione possibile:
Aggiungiamo un giorno in più e dedichiamo la giornata al Kings Canyon con pernottamento.
Dopo aver visitato e Olgas si procede direttamente alla volta di Kings Canyon (circa 300 km)
Qui oltre alla visita del parco naturale potremo partecipare ad una escursione con Karrke Aboriginal Cultural Experience er conoscere meglio la cultura aborigena, l'arte del bush-food e della bush -medicine.
per il pernottamento perchè non farsi tentare da una esperienza glamping nelle bellissime safari tent del Kings canyon resort?

Alice Springs Alice Springs, cittadina con appena 28.000 abitanti, si trova al centro del continente australiano come un’oasi nel deserto, circondata da montagne rocciose e immersa in un paesaggio arido dai colori indescrivibili, veramente spettacolari. La popolazione ha una forte presenza aborigena, non a caso il centro offre numerosissimi atelier d’arte in cui si possono acquistare splendidi e costosi dipinti aborigeni, ma anche più abbordabili negozi di souvenirs legati alle tradizioni degli antichi abitanti di queste zone.
Ad Alice Springs è anche possibile organizzare bellissime ed entusiasmanti escursioni come l’ascensione all’alba in mongolfiera sul deserto e l’escursione in quod od in Mountain Bike nel deserto.
Da visitare
Al numero uno il Kangaroo Sanctuary dal martedì al venerdì.
Quindi la Old Telegraph Station con il suo museo e la storia dei pionieri che conquistarono il Red Centre collegando con il telegrafo prima e la ferrovia poi Adelaide a Darwin.
Il Desert Park, aperto nel marzo 1997, situato sui rilievi dei Mac Donnel Ranges: si tratta di una spettacolare introduzione all’ambiente desertico e alla sua fauna tipica; i tre maggiori habitat con oltre 120 specie animali australiane, tra cui alcune in estinzione e 350 specie di piante. La Royal Flying Doctor Service, il servizio di pronto intervento, in elicottero, punto di riferimento per tutto il Central Australia.
La School Of The Air, con la quale centinaia di ragazzi e bambini, ricevono l’istruzione scolastica via radio.
Per la cena, invece, consigliamo il Bojangles restaurant (al n° 80 di Todd Street Tel. 89522873), oltre a gustare la tipica cucina locale, a base di carne alla brace, potrete ascoltare ottima musica australiana.

7° giorno

Alice Springs /Tennant Creek

Chilometri indicativi: 500
Tipo di strada: Asfaltata
Una lunga guidata ma vi sono anche delle soste piacevoli.

Tra Alice Springs e Tennant Creek Se venite da Tennant Creek i luogi saranno in ordine inverso.
Alieron Roadhouse con le bellissime statue di una famiglia Anmatjere (locale clan aborigeno) ed una picola galleria di arte aborigena; sosta al Ti Tree per gustare le uve da tavola e il vino al mango prodotto dai contadini dell’ Outback. Godetevi i ricchi colori del deserto viaggiando fino a Wycliffe, una città famosa ed eccentrica per i suoi avvistamenti UFO.
A seguire Devils Marbles: secondo la mitologia aborigena, questi enormi massi, in equilibrio precario , sono le uova del Serpente Arcobaleno. Ascoltate la storia in modo più dettagliato presso il Centro Culturale Nyinkka Nyunyu a Tennant Creek.

8° giorno

Tennant Creek /Daly Waters

Chilometri indicativi: 400
Tipo di strada: Asfaltata
Oggi altra lunga guidata ma raggiungere Matarangka o Katherine vuol dire percorrere circa 680 km. Possibile farlo ma non lo consigliamo.

Tra Tennant Creek e Katherine o v.v Se partite da Katherine l'ordine dei luoghi sarà invertito.
A Nord di Tennant Creek troverete l’ Elliott e Newcastle Waters Discovery Trail. Questa rete panoramica di strade - alcune solamente a quattro ruote motrici - si diramano lungo la strada principale tra grandi allevamenti di bestiame, pub dell'outback pieni di personaggi e punti di riferimento della seconda guerra mondiale ricordate il film (Australia?).
Proseguite per Daly Waters, un minuscolo borgo costituito intorno al più antico pub del Territorio. Non perdetevi il pittoresco pub di Daly Waters che fu anche il punto di rifornimento della nascente Qantas.
Quindi Mataranka, per un tuffo nelle calde sorgenti termali di Daly River, prima di arrivare nella storica cittadina pionieristica di Katherine. e volendo le Cutta Cutta Caves.

9° giorno

Daly Water / Katherine

Chilometri indicativi: 280
Tipo di strada: Asfaltata
Il viaggio prosegue lungo l'infinita Stuart Higway ma quasi in fondo al percorso vi attende un tuffo belle acque termali di Mataranka

Katherine Circa 3000 kmq di territorio racchiudono le Edith Falls, ottime per una nuotata, e Nitmiluk, il nome aborigeno di Katherine Gorge. Katherine Gorge è un grande appuntamento con una natura spettacolare. La stretta e lunghissima fessura di roccia è navigabile da aprile a novembre. All’improvviso ci si ritrova immersi nel silenzio, rotto soltanto dal verso di qualche uccello. Il cielo azzurro diventa sempre più distante, mentre l’ombra delle pareti a strapiombo rende l’aria addirittura fresca. Si tratta effettivamente di 12 diversi canyon separati fra loro da rapide, spettacolari durante la stagione delle piogge, da novembre ad aprile. Presso il Visitors Centre potrete reperire informazioni su escursioni, crociere e attività varie (es. canoa) legate a questo splendido parco. Se possibile raccomandiamo la mini-crociera al tramonto oppure il noleggio di una canoa per vivere una meravigliosa emozione.
A katherin inoltre:
Top Didj and art Gallery (Katherine):Presso questa galleria d’arte Aborigena oltre ad ammirare le opera d’arte prodotte localmente e nel Red Centre potrete trascorrere due fantastiche ore ad ascoltare storie sulla cultura locale degli Aborigeni e partecipare ad alcune attività come accendere il fuoco con bastoncini di legno,provare a lanciare giavellotti e boomerangs,dipingere secondo la tecnica aborigena il vostro manufatto artistico..

10° giorno

Katherine/Kakadu NP

Km indicativi sino a Jabiru 310
mattinat a disposizione per esplorare il Katherine Gorge.
Oggi si abbandona definitivamente il rosso dell' Outback Australiano per raggiungere il verde smeraldo del Top End Australiano. Prima tappa Cooinda prima di raggiungere Jabiru nel cuore di questo parco nazionale. Sempre lungo il percorso Nourlangie Rock.

Variazione possibile:
Aggiungiamo un giorno in più e dedichiamo la giornata a Cooinda con pernottamento. In questo modo avremo anche più tempo da dedicare a Katherine.

Kakadu National Park 153 km a Sud di Darwin, si incrocia la Arnhem Highway: via di accesso al Kakadu National Park, un’immensa area protetta comprendente le pianure alluvionali dei Wildman, West, South e East Alligator River. Vera e propria oasi naturale per innumerevoli specie di piante, animali e uccelli. La strada che attraversa il parco è completamente asfaltata e facilmente accessibile anche da auto convenzionali. Lo scenario è semplicemente sorprendente dal punto di vista naturale e impareggiabile per quanto riguarda la presenza di pitture rupestri aborigene di enorme importanza. Esplorabile durante tutto il corso dell’anno necessita almeno due giorni di visita. Il nome Kakadu deriva dalla lingua Gagudju, la più frequente fra quelle parlate dalla popolazione aborigena nel Top End. Gran parte del parco è di proprietà del popolo aborigeno che contribuisce a preservarne la sua unicità nel tempo e molti delle guide e dei ranger del parco sono aborigeni.
Le pianure intorno al Wildman e al Mary River corrispondono alla prima possibile sosta, prima del confine del parco. Si giunge quindi alla cittadina di Jabiru e alle Ubirr Rock, con pitture risalenti ad oltre 20.000 anni or sono. Proseguendo verso Sud, la visita del parco merita senz’altro una sosta al Bowali Information Centre. Nourlangie Rocks Site è la prossima tappa: vera e propria galleria d’arte all’aperto, con pitture di inestimabile importanza. Ancora più a Sud, Cooinda e la Yellow Waters Lagoon da esplorare in crociera per osservare da vicino la flora e la fauna del parco. Infine le Jim Jim Falls e le Twin Falls visitabili con escursioni (percorsi vietati alle auto a noleggio per turismo). Lo stesso vale per le Gunlom Falls prima della stazione di uscita del parco, a pochi chilometri da Pine Creek. Il parco offre diversi tipi di sistemazione, dall’albergo, al caravan park, al campeggio. Numerose le escursioni giornaliere e sicuramente interessanti i tour organizzati di 2 o più giorni

Cooinda Cooinda si trova a metà strada tra Katherine e Jabiru. E' famosa per essere il luogo delle navigazioni sulla vasta zona di acquitrini delle Yellow Waters. Vi sono diverse mini-crociera che partono in diverse ore della giornata e sicuramente li più belle sono quelle dell' alba e del tramonto. Vi è anche la possibilità di praticare la pesca al combattivo e gustosissimo pesce barramundi. Qui potrete osservare goanna, aquile dalla testa bianca, uccelli jabiru ed il temutissimo saltwater crocodile . Questo solo alcune delle specie osservabili immersi nella natura spettacolare della foresta pluviale e dei prati galleggianti delle ninfee.

11° giorno

Kakadu NP/Darwin

Km indicativi 250
Se avete poco tempo visitate il sito di Ubirr Rock e quindi sulla via di Darwin le wetlands . Alternativamente potrete partecipare ad una mini-crociera sull' East Alligator oppure ad una magnifica escursione ad Arnhemland.
Quindi rientro a Darwin.

12° giorno

Darwin

Rilascio della vettura.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppia
Dal 20 Maggio 2021 al 31 Marzo 2022€ 1.254

Note

Potete effettuare questo itinerario anche in camper: quotazioni a richiesta.
Cambio applicato: in data 25 agosto 2020
La quotazione è indicativa e soggetta a variazioni stagionali ed alle tariffe tipo dynamic rates.
Supplemento camera singola disponibile.
Richiedete il preventivo dettagliato con le indicazioni dei lodge/motel e quotazione aggiornata.
Il costo del noleggio si intende sulle 24 ore dall’ ora del ritiro all’ ora della riconsegna.
Es: se ritiro la vettura alle 14.00 la riconsegnerò entro le ore 14.00 del giorno di termine noleggio.
Se la vettura viene consegnata oltre l’ora prevista potranno essere addebitati localmente costi aggiuntivi
Leggere sempre le condizioni di noleggio al ritiro della vettura.


La quota comprende

  • Noleggio vettura con Km illimitati ed assicurazione complet cover
  • Secondo guidatore incluso
  • Pernottamento in hotel e motel (a Coober Pedy camera underground!)

La quota non comprende

  • Quanto non indicato in include od altrove nel programma
australia

L’Australia è abitata da circa 42.000 – 48.000 anni, da quando cioè i progenitori degli attuali aborigeni australiani arrivarono dall’odierno sud-est asiatico attraversando il mare, favorite anche del più basso livello delle acque e servendosi poi delle più antiche tecniche di pesca, caccia e raccolta per sopravvivere. Questa terra rimase però inesplorata dagli europei fino […]

australia

L’Australia è bagnata a nord dal mare degli Arafura, a nord-est dal mar dei Coralli, a sud-est dal mar di Tasman, a sud dall’oceano Indiano e a a nord-ovest dal mar di Timor. Essendo completamente circondata dal mare, non confina direttamente con altri stati. Quelli più vicini sono la Nuova Zelanda a sud-est; l’Indonesia, Papua […]

australia

Essendo l’Australia situata nell’emisfero sud, le stagioni sono invertite rispetto all’Europa: la primavera/estate corrisponde ai mesi da novembre a marzo, l’autunno/inverno va da aprile a ottobre. Nelle zone desertiche centrali si riscontra una forte escursione termica, mentre le regioni del nord (Darwin e il Western Australia) godono di un clima tropicale con temperature piuttosto alte […]

L’Australia è una federazione di sei Stati e diversi Territori, oltre al Distretto dove si trova la capitale Camberra. La Nuova Zelanda è invece uno Stato unitario. Gli Stati federali sono: Australia Meridionale; Australia Occidentale; Nuovo Galles del Sud; Queensland; Tasmania; Victoria. I due territori principali sono: l’Australian Capital Territory Territorio del Nord. L’Australia ha […]

L’Australia è uno dei paesi meno popolati della Terra: i suoi 20 milioni circa di abitanti coprono una superficie pari quasi a quella degli USA e la densità media è di soli 2 abitanti per chilometro quadrato. La popolazione si distribuisce in modo molto eterogeneo, concentrandosi lungo la costa sud-orientale e all’estremo sud di quella […]

Le arti e le attività culturali australiane riflettono la miscela unica di differenti culture, nuove influenze e antiche tradizioni che caratterizza la nazione. Esse sono il frutto di una terra che ospita sia le più antiche tradizioni culturali che ci sono giunte senza soluzione di continuità, sia una ricca mescolanza di culture portate dagli emigranti. […]

Australia

Le arti e le attività culturali australiane riflettono la miscela unica di differenti culture, nuove influenze e antiche tradizioni che caratterizza la nazione. Esse sono il frutto di una terra che ospita sia le più antiche tradizioni culturali che ci sono giunte senza soluzione di continuità, sia una ricca mescolanza di culture portate dagli emigranti. […]

australia

Le festività australiane sono legate alla cristianità; tra le feste pubbliche segnaliamo Capodanno, 1° gennaio; la Festa del Lavoro, in una data non fissa perchè cambia tra le varie regioni; la Festa Nazionale, 26 gennaio; Anzac Day, 25 aprile. Si celebra poi una festa chiamata Festa del Mondo, in cui ogni anno viene festeggiato un […]

I primi coloni furono inglesi, per cui la cucina australiana ha una tradizione anglosassone. Una specialità famosa sono le “meat pies” piccoli pasticci di carne usati come snack. Ancora più tipica è la “vegemite”, una sorta di scuro pâté di estratto di lievito: gli australiani la spalmano sul pane e ne sono praticamente dipendenti. Si […]

australia

Il Paese è raggiungibile da tutte le parti del mondo. Dall’Italia non esiste il volo diretto, considerata la lunga distanza. Data la vastità del territorio australiano, gli spostamenti aerei interni rappresentano un ottimo mezzo di trasporto, soprattutto per chi non dispone di molto tempo. Le maggiori compagnie aeree locali sono il Qantas e la Ansett […]

Visto d’ingresso (necessario): Il visto turistico “elettronico” (ETA) ha una validità di 90 giorni ed è rilasciato contestualmente all’emissione del biglietto aereo. I cittadini italiani hanno inoltre la possibilità di ottenere un visto per vacanze-lavoro della durata di sei mesi (per informazioni relative al visto “vacanza-lavoro” rivolgersi direttamente all’Ambasciata d’Australia a Roma o al Consolato […]

Situazione sanitaria: L’assistenza sanitaria è di ottimo livello nelle aree urbane. Nelle aree rurali e in quelle più remote, invece, vi è scarsità di personale sanitario e le strutture ospedaliere sono poco affidabili. Vige tra l’Italia e l’Australia un accordo in materia di assistenza sanitaria che consente ai turisti italiani di beneficiare dell’assistenza sanitaria di […]

Australia

Viaggiatori con animali: L’importazione di cani e gatti dall’Italia è consentita a determinate condizioni: devono portare una micro piastrina; devono essere stati vaccinati contro la rabbia nei 12 mesi antecedenti la data di importazione ed essere stati sottoposti al test antirabbico almeno 150 giorni prima della data di arrivo. In assenza di queste condizioni saranno […]

Ambasciata d’Italia a Canberra 12 Grey Street, Deakin – CANBERRA – ACT – 2600 Tel. (+61 2) 6273 3333 Fax. (+61 2) 6273 4223 Soccorso stradale Tel. 131.111

Al di là degli ovvi condizionamenti dovuti al clima, è diffuso in Australia l’abbigliamento casual. Tuttavia in alcuni locali sono obbligatorie per gli uomini la giacca e la cravatta, in particolare la sera. Inoltre si tenga presente che nei locali è diffusa l’aria condizionata. Per chi sceglie un tour si consiglia un abbigliamento pratico e […]

honeymooners

Inno nazionale: Advance Australia Fair Festa nazionale: 26 gennaio Coccodrilli L’Australia tropicale ha la maggior densità di coccodrilli al mondo. Esistono due grandi specie: i coccodrilli d’acqua dolce (soprannominati “sweetie”) che sono più piccoli e tranquilli, e i coccodrilli d’estuario (“saltie”) che si spostano anche sulla costa e sono estremamente pericolosi. Orario negozi in tutte […]

Australia

I produttori e attori cinematografici australiani continuano a spostarsi regolarmente fra l’Australia e l’estero per lavorare. Il film Master and Commander del regista di Sydney Peter Weir – uno spettacolare adattamento dei romanzi di avventure marinare di Patrick O’Brian – è stato uno dei grandi successi internazionali del 2004. Attori come Nicole Kidman, Geoffrey Rush. […]

La fama dell’Australia di paese vivace e individualista trova conferma nella moda australiana – una miscela ricca e variopinta di stili esuberanti. Cominciamo con la sorprendente fusione di culture prodotta dall’estetica di Akira Isogawa. E’ chiaro che questo stilista è dotato di un raro romanticismo intrecciato con un filo delicato alla sua cultura nativa giapponese. […]

australia

Sidney Sydney è una delle icone d’Australia, luminosa e vitale, offre bellezze naturali incomparabili, come la sua baia e le moltissime spiagge come Mainly o Bondy, zone storiche e centri commerciali, teatri, spettacoli culturali di ogni tipo e uno splendido giardino botanico. Per conoscere Sydney si parte dalla famosa Opera House, passeggiando lungo la baia sino […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Cosa sapere di Canberra? Qui vi diamo alcune informazioni interessanti!

La Medusa a Scatola Uno degli animali più pericolosi e letali per l’uomo al mondo, tipico di alcune zone australiane, spesso trovata nelle acque del continente australiano, è la medusa scatola, i cui tentacoli possono raggiungere anche i tre metri di lunghezza. Altrimenti detta cubo-medusa , la medusa a scatola popola la costa lungo la […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

Realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011