Gastronomia in Australia

I primi coloni furono inglesi, per cui la cucina australiana ha una tradizione anglosassone. Una specialità famosa sono le “meat pies” piccoli pasticci di carne usati come snack. Ancora più tipica è la “vegemite”, una sorta di scuro pâté di estratto di lievito: gli australiani la spalmano sul pane e ne sono praticamente dipendenti. Si trovano poi diversi piatti a  base di specie locali, come samosa con stufato di coda di canguro, paté di emù, selvaggina affumicata in foglie di eucalipto, agnello al salt-bush, frittata con semi di anice locale o gelato ai semi di acacia.. Da pochi anni a questa parte riscuotono grande successo le specialità del “bush”, un concentrato di sapori completamente diversi per chi ama sperimentare.

In genere, comunque, si riesce a mangiar bene, anche perché l’immigrazione diversificata ha aggiunto varietà, e sono molto comuni specialità italiane e orientali. La vicinanza con l’Asia ha poi aggiunto alle ricette australiane anche delle influenze asiatiche. Ottimi il pesce, i crostacei e i frutti di mare. In Australia si trovano infatti pesci come il John Dory e il prelibato barramunda, squisite aragoste e altri crostacei come i bugs di Moreton Bay (cicale di mare), e gli ottimi yabbies (astici d’acqua dolce). Da assaggiare anche le insalate e i frutti tropicali.

Nei bar e nei caffè all’avanguardia attualmente vanno molto di moda le cosiddette designer drinks, conosciute anche come “alcopops”. La prima bevanda di questo tipo comparsa sul mercato è stata una limonata alcolica chiamata “Two Dogs Lemonade”. Poi è giunto il turno della “Sub Zero”, una soda alcolica sostanzialmente insapore e immensamente popolare, che tutti bevono con una piccola aggiunta di liquore al lampone. Tra le bibite analcoliche, stupisce le varietà di latte aromatizzati ai gusti più diversi.

Articoli che potrebbero piacerti

I primi insediamenti dell’arcipelago risalgono a 4.000 anni fa, quando le prime popolazioni si stanziarono sull’isola Yap. Dal 500 al 1450 a Pohnpei regnò la dinastia Saudeleur, che costruì la città anfibia di Nan Madol. I primi colonizzatori europei furono i portoghesi, seguiti dagli spagnoli e dai tedeschi. Il controllo della Micronesia passò all’Impero giapponese […]

Negli ultimi trent’anni l’economia neozelandese, in passato prevalentemente agricola, si è orientata progressivamente verso l’industria e il settore terziario. Dalla metà degli anni Ottanta il governo ha gradualmente abbandonato il protezionismo economico iniziale, in favore di una politica di apertura e deregolamentazione allo scopo di incentivare la crescita economica, anche se ciò ha provocato un […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su