Racconti di Viaggio
700 giorni in Australia
Abbiamo davvero viaggiato?
Alla ricerca di me
Attraverso il mondo
Be here now
Bus…cando Sudamerica
Dal presente al futuro
Di passaggio
Domande
Eat, Surf, Skate and Shoot
Emozioni dal mondo
Il giradino dei viaggi sussurrati
Il giro del mappamondo
Il giro delle grandi emozioni
Il gusto di andarsene via
Il mare... la perfezione
Il richiamo
Il viaggio di Elena, Dario e Antonella
Il viaggio dei sogni
Il viaggio della vita
Il viaggio di Chiara
Il viaggio di Claudio
Il viaggio di Cristina
Il viaggio di Francesco
Il viaggio di Karin
Il viaggio di Lucia
Il viaggio di Marco
Il viaggio di Marta
Il viaggio di Nina
Il viaggio di Paola
Il viaggio di Paolo
Il viaggio di Simona
Il viaggio di Veronica
In viaggio alla scoperta di me stessa
In viaggio con papà
Poster della Nuova Caledonia
Il viaggio di Max e Leonida
La bambina che sapeva sorridere
La collezionista
La necessità del viaggio
La valigia invisibile
L'andata è il ritorno
Le emozioni che regala il mondo
Le porte verso il mondo
Le tre perle
L'eden
Let's go!
L'oca indiana
L'odore della terra
Luci del nord
Mal d'Asia
Metamorfosi
Pablo in viaggio
Partipartiparti
Questo è il Fine, è l’Oceano, il Niente…
Ricordi per i nipoti
Rosemary
Sai cosa c’è oltre l’Europa? Un mondo. Scopriamolo!
Sempre blu
Smuovere il moai
Sogni ancestrali
Spirito d'australia
Tra le Ande e l’oceano
3 sogni per un viaggio intorno al mondo
Uccelli migratori volano a sud
Un viaggio alla scoperta dello spirito
Un viaggio dentro al cuore
Un viaggio di Liz
Un viaggio intorno al mondo
Un viaggio lungo un sogno…
Una sfida a colpi di moleskine
Viaggiare è vivere
Viaggio in india di un aspirante principe
Viaggio intorno al mondo
Viaggio senza ritorno
Viaggio. Con la mente viaggio
Il viaggio di Simona e Mauro
Il viaggio di Roberta e Marco
Il viaggio della Famiglia Manodritto
Il viaggio di Federica e Andrea
Il viaggio di Erica e Omar
Il viaggio di Vanessa e Stefano
Tracks, attraverso il deserto
Enjoy The Silence
Il viaggio di Marta
Panes Content Table

Adesso sono a Perth, in Australia. Che cosa posso dire di questa città? Dire semplicemente è magnifica, non è adeguato, così potrei semplicemente sminuirla.. Molti dicono che questa città è nata per il sole ed io credo che sia vero, il verde dei parchi, l’azzurro dei grattaceli, il celeste del mare e l’abbagliante giallo del sole creano un armonia perfetta. Oggi, 26 Gennaio, è festa nazionale, oggi tutte le persone sono uguali, stati sociali, colore della pelle, idee politiche ecc..tutte queste cose oggi non contano niente..E’ bello andare in giro in bicicletta, le persone già di prima mattina hanno iniziato a riempire la città di bandiere, tutti si stanno preparando a festeggiare la loro storia, il loro passato. La festa inizia alle 07.00 di mattina e continua tutto il giorno con cerimonie di cittadinanza e vari spettacoli in tutte le piazze della città. Il momento magico però arriva la sera, sono riuscita a trovare un pezzettino di spiaggia a South Perth, da qui riesco a vedere la bellezza del mare blu notte, la gioia delle persone per questa festa, i bambini che giocando urlano di felicità, i ragazzi, forse troppo allegri per qualche birra in più, che cantano, chiacchierano e ridono, persone che camminano mano nella mano, ma tutti stanno aspettando quel momento.. L’odore del mare, della spiaggia, accompagnano l’odore del cibo, della birra e del vino..e poi finalmente arriva anche un leggero odore di bruciato…I fuochi d’artificio sono iniziati..adesso che non c’è più il sole, la città ha iniziato a dare vita a colori brillanti su un cielo blu, il giallo, l’arancione, il rosso, il verde, il bianco, tutti si riflettono sul mare.. Adesso tutti stanno guardando quello spettacolo pirotecnico, tutti hanno occhi solo per il cielo. L’immagine di questa città in festa non è possibile descriverla, la sensazione di gioia, di amore, di pace, tutti sentimenti che queste persone riescono a trasmetterti contemporaneamente.. In questo giorno non importa chi sei devi solo avere rispetto per il posto in cui vivi, dare amore alla tua famiglia e ai tuoi amici, ridi divertiti e ama senza preoccuparti.. per un giorno, qui, sei solo te stesso.

 

 

Kyoto una città meravigliosa…dove il tempo scorre come lo vuoi te.. immobile insieme ai giardini zen, belli da ammirare in tutti i templi che caratterizzano questa città, oppure veloce come le persone che camminano nel centro della città, occupate a rimanere al passo con la tecnologia.

Ci sono momenti però in cui questo tempo diventa uno solo per tutti… Alla fine di Marzo e agli inizi di Aprile è il Sakura (fiore di ciliegio) a dare il tempo a tutto il paese.

Mi trovo in un angolo di un parco nella città di Kyoto, sotto un albero di ciliegio, da qui posso vedere tutto, il momento in cui questo fiore raggiunge il suo massimo splendore e i petali vengono portati via da una semplice folata di vento. I Giapponesi festeggiano questo evento, non solo per l’arrivo della primavera, ma per ricordare a tutti che la vita è bellissima come un fiore di ciliegio, ma altrettanto breve. Quindi, approfittano di questa occasione per riunirsi con la famiglia o con gli amici. Davanti a me c’è una famiglia che è appena arrivata, la signora sta prendendo la stuoia, abbastanza grande per tutta la famiglia, per stenderla accuratamente sul prato. Con molta calma ed eleganza si toglie le scarpe e una volta inginocchiata sulla stuoia sistema accuratamente le sue scarpe accanto ad essa. Tutta la famiglia si posiziona a cerchio vicino a lei, adesso sono pronti per festeggiare. In centro viene posizionato il “bento” (pranzo al sacco) preparato per l’occasione, così i bambini possono giocare e mangiare tranquillamente mentre i grandi ne approfittano per bere un po’ di sakè e divertirsi senza preoccupazioni. L’odore di cibo e di sakè impregna l’aria, ma a secondo del leggero venticello l’odore dei fiori di ciliegio ti invade.. Gli occhi si riempiono di colori vivaci, accompagnati sullo sfondo dal rosa delicato dei petali dei fiori che cadono dolcemente dagli alberi, il suono che aleggia nell’aria è pieno di risate, di voci concitate a raccontare storie, di delicate confessioni di ragazzine innamorate… Ed è proprio in questo momento che il tempo potrebbe fermarsi per sempre, quando la vita è nel pieno della sua bellezza.

 

 

Andare in Sud America e non andare a visitare il Rio delle Amazzoni è davvero uno spreco!!!! Così arrivata finalmente in Brasile, ho deciso di iniziare il mio viaggio da Parintis, città situata sull’Isola Tupinambara, una delle maggiori isole fluviali al mondo, e si trova proprio sul Rio delle Amazzoni. Questa bellissima città è una delle mete più importanti di tutta l’Amazzonia, conosciuta soprattutto per il suo Festival Folclorico del Boi Bumbà. Siamo a fine giugno, questa città si sta riempiendo di turisti, le persone del posto sono tutte impegnate ad organizzare le 3 notti più impegnative di tutto l’anno. Nel grande stadio iniziano ad arrivare spettatori, velocemente si riempie di persone in attesa di vedere qualcosa di magnifico, i loro occhi brillano, le loro voci sono concitate, il loro modo di parlare allegro e entusiasta, tutti sono pieni di aspettative..Anche io finalmente prendo posto, la musica di sottofondo è davvero bellissima e ti prepara ad uno spettacolo unico al mondo, in queste canzoni possiamo sentire la storia, i miti e le leggende di questo luogo e della foresta amazzonica.. Se chiudi gli occhi puoi sentire i suoni della foresta e il canto degli uccelli..Così mentre la musica ci riempie le orecchie, finalmente entra il presentatore in scena, pronto a dare il via alla sfida dell’anno. E’ proprio in questo momento che le due associazioni, la “Boi Garantido” vestiti di bianco e rosso e la “Boi Caprichoso” vestiti di blu e bianco, iniziano il loro combattimento, fatto di salti, passi di danza, bellissime coreografie al ritmo della musica locale..Gli occhi si riempiono di questi colori accessi, illuminati dai fari dello stadio nella notte buia, la musica tradizionale, accompagnata del suono coinvolgente dei passi dei ballerini, riempie le nostre orecchie e fa battere forte il nostro cuore…E’ impossibile distogliere lo sguardo, faccio anche fatica a sbattere le palpebre per paura di potermi perdere anche solo un momento....Nonostante ho ancora 2 notti, inizio già a rendermi conto che saranno tutte indimenticabili.. Tutta la storia di questo paese è raccontata in queste tre sere..balli, musica e racconti riempiono queste tre giornate meravigliose!

Marta Chisci

Cerca il tuo viaggio all'interno di tutte
le nostre proposte
Iscriviti al servizio di newsletter per essere
aggiornato sulle novità e sulle offerte
Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei miei dati personali


Cerca l'agenzia a te più vicina
per richiedere maggiori informazioni


2013 © Go Australia
Srl Sede: via Canale 22 60125 Ancona P.IVA, Codice Fiscale e n. iscrizione CCIAA 02116980422 R.E.A. AN 162472 - Capitale Sociale € 30.000,00