Racconti di Viaggio
700 giorni in Australia
Abbiamo davvero viaggiato?
Alla ricerca di me
Attraverso il mondo
Be here now
Bus…cando Sudamerica
Dal presente al futuro
Di passaggio
Domande
Eat, Surf, Skate and Shoot
Emozioni dal mondo
Il giradino dei viaggi sussurrati
Il giro del mappamondo
Il giro delle grandi emozioni
Il gusto di andarsene via
Il mare... la perfezione
Il richiamo
Il viaggio di Elena, Dario e Antonella
Il viaggio dei sogni
Il viaggio della vita
Il viaggio di Chiara
Il viaggio di Claudio
Il viaggio di Cristina
Il viaggio di Francesco
Il viaggio di Karin
Il viaggio di Lucia
Il viaggio di Marco
Il viaggio di Marta
Il viaggio di Nina
Il viaggio di Paola
Il viaggio di Paolo
Il viaggio di Simona
Il viaggio di Veronica
In viaggio alla scoperta di me stessa
In viaggio con papà
Poster della Nuova Caledonia
Il viaggio di Max e Leonida
La bambina che sapeva sorridere
La collezionista
La necessità del viaggio
La valigia invisibile
L'andata è il ritorno
Le emozioni che regala il mondo
Le porte verso il mondo
Le tre perle
L'eden
Let's go!
L'oca indiana
L'odore della terra
Luci del nord
Mal d'Asia
Metamorfosi
Pablo in viaggio
Partipartiparti
Questo è il Fine, è l’Oceano, il Niente…
Ricordi per i nipoti
Rosemary
Sai cosa c’è oltre l’Europa? Un mondo. Scopriamolo!
Sempre blu
Smuovere il moai
Sogni ancestrali
Spirito d'australia
Tra le Ande e l’oceano
3 sogni per un viaggio intorno al mondo
Uccelli migratori volano a sud
Un viaggio alla scoperta dello spirito
Un viaggio dentro al cuore
Un viaggio di Liz
Un viaggio intorno al mondo
Un viaggio lungo un sogno…
Una sfida a colpi di moleskine
Viaggiare è vivere
Viaggio in india di un aspirante principe
Viaggio intorno al mondo
Viaggio senza ritorno
Viaggio. Con la mente viaggio
Il viaggio di Simona e Mauro
Il viaggio di Roberta e Marco
Il viaggio della Famiglia Manodritto
Il viaggio di Federica e Andrea
Il viaggio di Erica e Omar
Il viaggio di Vanessa e Stefano
Tracks, attraverso il deserto
Enjoy The Silence
Il viaggio di Karin
Panes Content Table

VIAGGIO IN VENEZUELA

Vorrei raccontare il mio viaggio in Venezuela, nell'arcipelago di Los Roques.

E' la prima volta che ho paura perchè ho prenotato tramite Mario, proprietario della Posada Movida.

Caracas è pericolosa, mi domando se riuscirò a raggiungere il B&B. Ci riesco e sale la curiosità, il sogno diventa realtà! Un posto fuori dal mondo, l'aeroporto ne dà l'idea..il nulla a parte una casetta per pagare l'ingresso.

La posada è splendida, è come essere a casa anche se lontani.

E' strano mangiare tutti insieme ma poi ci si conosce, diventa un piacere scegliere la canzone prima dei pasti; conosco due sposi con cui stringo un'amicizia sincera tanto forte che alla loro partenza sento un vuoto dentro, perchè questo è Los Roques: vivi sempre così a stretto contatto che ti affezioni.

Per godermi l'ultimo giorno prenoto l'ultimo volo che però viene annullato.

Non so che fare ma voglio tornare a casa; allora Mario mi porta sulla pista, parla con il controllore che dal suo tavolino al bar trova un aereo privato di 8 soli posti!

Anche dopo tutto quello che si è sentito dei voli locali non penso nemmeno di rifiutare, mentre carico i bagagli un velivolo atterra bucando una ruota e via!tutti a spostarlo per poter decollare a nostra volta..inizio a pensare che ci sia di mezzo la sfiga!

Alla fine decollo e capisco che su un volo così piccolo si sente tutto e io prego, prego tutti i 35 minuti finchè non vedo le luci di Caracas ma atterro di sera, sotto il diluvio e nell'ex scalo nazionale della città. Non voglio chiamare il taxi ma sono costretta e per fortuna arrivo al terminal internazionale, sembro pazza, impiego un po' di tempo a riprendermi...

A parte questo quando ripenso a Los Roques, l'immagine non va alle spiagge e al mare da sogno ma alla vita in posada, ai sorrisi dei locali, ai balli dentro casa, alla serata che passo  ubriaca su un'amaca con un secchio di mojito e altre 5 persone, alla semplicità del posto..se ripenso a Los Roques mi viene un filo di malinconia e una lacrima scende silenziosa!

 

VIAGGIO IN CINA

Ci sono viaggi che ti restano nel cuore per sempre ed altri di cui apprezzi pochissimo, le emozioni che rivivo ripensando al mio viaggio in Cina non sono belle. Non volendo già partire in quanto appena iscritta all'Animal Asia Assotiation potete immaginare come mi sia sentita quando, mio padre ed il mio ragazzo, hanno deciso di intraprendere questo viaggio che ho fatto esclusivamente per amore. La cosa più scioccante sono gli spazi enormi, basti pensare che Pechino è grande come il Lazio; per vedere qualcosa lo spostamento minimo richiede 2 ore di bus. Vorrei cercare di far capire quanto possa pesare tutto questo a una persona sportiva e dinamica come me perchè ho passato talmente tante ore in pullman ed in aereo che mi sono sentita come in gabbia.

Tour collettivo, 40 persone mi sembrano davvero molte, che per fortuna non si sono mai fatte aspettare ma chiaramente è difficile andare in un posto se anche gli altri non ci vogliono andare! Non ero libera! Ho provato rabbia, frustrazione e impotenza, quando dovevo prendere l'aereo per spostarmi avevo attacchi di panico e piangevo non per la paura di volare.. non so, avrei solo voluto interrompere tutto e tornare a casa.

Io, sensibile ed amante della natura, mi sono dovuta confrontare con un popolo che nelle bancarelle al mercato vende cavallucci marini in via di estinzione. Il risultato è stato quello di quasi disprezzarli. Ho trovato un popolo a prima vista gentile ma che rincorre il progresso e il consumismo, ma per fare questo non presta attenzione ed anzi calpesta tutto ciò che lo circonda e lo intralcia con risultati a volte discutibili e per altre anche deplorevoli. Esempio lampante ne è stata una grotta piena di stallattiti e stalagmiti morte a causa delle luci di natale e al neon che ne hanno rovinato la quiete e l'equilibrio interno.

Tirando le somme un viaggio pieno di estremi, difficilmente accettabili, che mi hanno riempita di amarezza facendomi capire quanto poco possa la natura di fronte alla brutalità umana.

 

VIAGGIO IN POLINESIA

Sono qui, nel paradiso terrestre, è da quando sono piccola che lo sogno.

La polinesia, terra di rara bellezza, l'azzurro del mare fa  da contrasto alle montagne verdi e tutto si fonde meravigliosamente come in uno splendido quadro. Il mio cuore esplode di gioia contemplando in silenzio quest'esplosione della natura..I ritmi di vita sono molto diversi rispetto a noi e se da un lato non voglio star ferma per godermi ogni prezioso minuto dall'altro tendo a rilassarmi perchè qui il tempo sembra essersi fermato.

Voglio realizzare il mio sogno: nuotare con i delfini! Intelligenti e curiosi non sono spaventati perchè sentono l'amore profondo che provo per loro, il bagno più bello della mia vita! Toccandoli sento il loro calore.. che emozione! Sono teneri e morbidi. Felice gli sussurro parole dolci perdendo il controllo delle mie emozioni e piango perchè questi splendidi mammiferi mi fanno pensare a quanto meraviglioso sia il nostro pianeta e quanto poco l'uomo se ne prenda cura.

Non sono mai stata in Polinesia, è tutto un sogno ma sicuramente, visto il mio carattere dinamico, l'isola che avrei amato più di tutte sarebbe stata la bella Moorea. Avrei camminato fino ad arrivare in cima alle montagne più alte, per contemplare il panorama..mare, monti e fiori..che colori! Di questo che io chiamo il viaggio per eccellenza avrei amato ogni cosa: dall'arrivo a Papeete, quando ti danno la collana di fiori in segno di benvenuto, allo scoprire le differenze fra le varie isole, confrontandomi con la popolazione locale sapendo io parlare il francese.

Mi sono fatta fare diversi preventivi e purtroppo mi sono dovuta scontrare con la cruda realtà, è un viaggio da sogno ma un sogno molto costoso, dal volo fino ai particolari. Dovendoci per forza rinunciare ho provato delusione, poi rabbia e infine tutto questo groviglio di emozioni si è trasformato in rassegnazione ma comunque mi ritengo una persona molto fortunata e felice conscia del fatto di avercela messa tutta per realizzare il suo sogno!

 

Karin Bee

 

Cerca il tuo viaggio all'interno di tutte
le nostre proposte
Iscriviti al servizio di newsletter per essere
aggiornato sulle novità e sulle offerte
Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei miei dati personali


Cerca l'agenzia a te più vicina
per richiedere maggiori informazioni


2013 © Go Australia
Srl Sede: via Canale 22 60125 Ancona P.IVA, Codice Fiscale e n. iscrizione CCIAA 02116980422 R.E.A. AN 162472 - Capitale Sociale € 30.000,00