Economia e Politica nelle Pitcairn

L’economia delle Isole Pitcairn è costituita da pesca e agricoltura.
I prodotti agricoli tipici sono i cedri, le angurie, le banane, i fagioli, il caffè e i piccoli tuberi.
Le pochissime esportazioni esistenti riguardano i francobolli, che vengono venduti ai collezionisti, e alcuni piccoli manufatti locali.

Il capo di Stato delle Isole Pitcairn è la Regina Elisabetta II.
Il potere legislativo è detenuto dal Consiglio dell’Isola, costituito da 10 membri, di cui 5 ad elezione diretta.
Dal 1999, anno della sua istituzione, al 2004 la carica di sindaco dell’Isola di Pitcairn è stata ricoperta da Steve Christian, deposto dal consiglio in favore di sua sorella Brenda Christian a seguito della condanna dell’uomo per atti sessuali contro minori. Brand Christian è dunque la prima donna al comando dell’isola.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 6 notti

da € 6.490 - Voli inclusi

Durata: 5 giorni / 4 notti

da € 600 - Voli esclusi

polinesia

Durata: 11 giorni / 8 notti

da € 3.490 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Cultura Anche se il cristianesimo ha modificato alcune abitudini della popolazione, molte tradizioni locali sono sopravvissute e scandiscono la vita sociale degli abitanti. Spesso gli isolani si riuniscono nelle fale fono per la cerimonia della kava, la nota bevanda dell’area pacifica, in quanto preparazione e consumo seguono precise regole: gli uomini vengono serviti in ordine […]

Il simbolo dell’Australia e uno degli animali più belli del mondo rischia davvero molto: scopriamo i motivi.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su